Mostra, Alberto Magrin espone alla Camera dei deputati

montecitorio

Una personale punta i riflettori sulla produzione artistica di Alberto Magrin. L’esposizione dal 4 al 19 dicembre è allestita nel Complesso di Vicolo Valdina della Camera dei Deputati.

L’idea alla base della mostra a cura di Giulia Smeraldo è quella di partire da una delle ultime opere di Magrin, il “Civis Romanus”. Un uomo che racchiude in sé l’intera società, che attraverso il suo operato attivo porta a compimento le volontà non solo del popolo ma anche quelle religiose, politiche, sociali e artistiche.

Presentare un cittadino romano nell’età contemporanea vuol dire ricordarci quanto lo spirito di noi tutti debba essere rivolto alla partecipazione della vita pubblica, alla base della quale c’è la chiave per il rinnovamento della società intera.

Attraverso la fotografia digitale l’artista porta a compimento il suo lungo lavoro, iniziato ormai quindici anni fa, alla cui base c’è il forte rapporto tra l’uomo e il mondo. Le sue ultime opere sono nate seguendo la teoria junghiana delle coincidenze significative, rimodulata però seguendo il proprio cammino personale: questo ha dato alla luce opere dal grande impatto emotivo che, all’interno delle sale nobili della prestigiosa sede di Palazzo Valdina, potranno esprimere tutta la loro essenza.

“Quando siamo di fronte alle opere di Alberto Magrin – spiega la curatrice – si ha la sensazione che la nostra coscienza sia smossa da sentimenti contrastanti: siamo costretti a risolvere gli enigmi visivi che l’artista crea con il digitale ma allo stesso tempo siamo consapevoli che la scoperta non sarà necessariamente rasserenante”.

All’interno del percorso espositivo 18 light boxes che mostrano il talento singolare dell’artista genovese, tra i quali spiccano senza dubbio il recente “Le radici della conoscenza” (2012) e “Tra il maschio e la femmina” (2003), opere che racchiudono in sé tutto il temperamento di Magrin e che presentano una sempre più evidente denuncia alla scala di valori sociali del nostro tempo.

La mostra è accessibile ai visitatori da piazza Campo Marzio, dalle 10 alle 18 (tranne il sabato e la domenica).

Anna Astrella

(Visited 61 times, 1 visits today)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *